Sicurezzaonline.it

   

    

PER NON DIMENTICARE ...
LE TRAGEDIE SUL LAVORO IN ITALIA

Questa sezione e' stata aperta il 20.12.2007 per ricordare il terribile incidente nell'acciaieria ThyssenKrupp, avvenuto la notte tra il 5 e il 6 dicembre 2007, dove sono morti 7 lavoratori.

Vuole essere un forte segnale di solidarieta' ai familiari degli scomparsi ed un tributo alla memoria delle vittime di questa tragedia, di quelle che sono accadute e di quelle che, purtroppo, potrebbero ancora succedere nella speranza che non siano mai dimenticate.

La sezione e' aperta ai contributi di tutti coloro che desiderano apportare ulteriori informazioni, analisi, osservazioni tecniche in relazione a questi tragici accadimenti in modo da prevenire possibili altri incidenti / infortuni in situazioni simili.

Per qualsiasi materiale / notizia / aggiornamento sulle tragedie piu' sotto elencate rimaniamo a disposizione al seguente indirizzo e-mail: info@sicurezzaonline.it o al n. di tel: 0422 444913

2007   -   2008   -   2009   -   2010   -   2011   -   2013

Esplosione carri ferroviari di GPL - 31 morti

30 giugno 2009

Folla ai funerali di Marina Galano

Alle esequie ha partecipato il sindaco Luca Lunardini accompagnato dall’assessore Vittorio Fantoni e da alcuni consiglieri guidati dal capogruppo Pdl Alessandro Santini

Viareggio, 31 agosto 2009 - Tanta folla anche al funerale della trentunesima vittima della strage, Marina Galano, 45 anni, che si è svolto ieri pomeriggio a Massa dove la donna era residente, nella chiesa del Corpus Domini. Alle esequie ha partecipato il sindaco Luca Lunardini accompagnato dall’assessore Vittorio Fantoni e da alcuni consiglieri guidati dal capogruppo Pdl Alessandro Santini. Presenti anche il sindaco di Massa Roberto Pucci col prefetto e il questore, gli assessori regionali Marco Betti e Massimo Toschi, della Provincia, rappresentanti di carabinieri e vigili del fuoco e labari di vari comuni. E ovviamente tutti i parenti della sfortunata commessa che lavorava a Forte dei Marmi, a cominciare dal figlio 20enne Federico e dall’ex marito Roberto Scolari. La salma sarà cremata oggi a Livorno.

Sabato notte, al termine del corteo, Lunardini ha parlato all’arrivo nella zona rossa: «Ho detto che la città attende tre ordini di rispste, e io mi faccio carico di quel che mi spetta anche per fare pressioni su regione e governo per ottene quanto necessario sul piano amministrativo. Ci sono poi risposte giudiziarie, con la fiducia che la magistratura a settembre tiri le prime fila del percorso giudiziario. Un terzo ordine di risposte riguarda il tema della sicurezza, e guarda caso mentre eravano nella zona rossa è passato un treno merci con cisterne, e il convoglio procedeva ad alta velocità. E’ vero che tante cose dipendono dalle norme europee ma vogliamo modifiche per la velocità dei treni e i percorsi dei binari nel tratto cittadino». Alla fine del corteo sono stati ricordati tutti i 31 morti della strage.

E stamani il sindaco sarà a Lucca per un incontro in Procura con gli avvocati Corrado Buccheri e Enrico Marzaduri. Gli avvocati di parte civile vogliono alcune informazioni. A fine mattinata è fissato anche un vertice in prefettura per i problemi dell’ordine pubblico con richieste di particolare attenzione alla questione dei venditori abusivi: «Ma mi hanno già detto che il problema è ovunque, tant’è che Forte dei Marmi durante la festa di S.Ermete è stata letteralmente invasa dai venditori».

Fonte: LA NAZIONE - Viareggio - 31 agosto 2009

   __________________________________________

30.06.2009 - Treno esplode alla stazione di Viareggio. 13 morti, 1000 evacuati

Un treno merci deraglia e causa un'esplosione nei pressi della stazione di Viareggio. Il bilancio è tragico: 13 morti e una cinquantina di feriti, di cui 36 gravi o gravissimi. È successo intorno alla mezzanotte di ieri. La deflagrazione ha investito le case vicine, provocando il crollo di alcune palazzine. Recuperati i corpi di due bambini. Tra le vittime ci sono alcune persone che si trovavano a passare nelle strada che costeggia la ferrovia e alcuni abitanti di due palazzine crollate. Danni sono visibili anche su altri edifici limitrofi. La tragedia potrebbe essere stata causata dal cedimento del carrello di uno dei primi vagoni-cisterna del convoglio 50325 Trecate-Gricignano. «A causa di ciò - si legge in una nota delle Ferrovie - il carro sarebbe deragliato trascinando altri 4 carri. Lo svio avrebbe provocato la fuoriuscita del gas Gpl contenuto nella cisterna che si sarebbe incendiato al di fuori di questa. Non ci sarebbe stata dunque l'esplosione del primo carro cisterna come precedentemente reso noto a causa delle prime indicazioni. Il controllo effettuato sui carri dai tecnici della verifica in partenza da Trecate non aveva evidenziato alcuna anomalia». continua >>

I filmati su Youtube continua >>

Corriere della Sera: tutte le notizie sulla tragedia di Viareggio continua >>

Fonte: Corriere.it

Viareggio, esplode treno merci carico di Gpl
È una strage: tredici morti, anche due bimbi

Un merci deraglia in stazione ed esplodono due vagoni carichi di gas: fiamme alte. L'esplosione investe cinque abitazioni e decine di automobili. Il bilancio: 13 morti e 35 feriti. Le testimonianze in diretta su internet: "Tanti scappavano coi vestiti in fiamme" continua >>

Fonte: Repubblica.it

Dal nostro archivio:

ESPLOSIONE BUTAN GAS - Anche se l'esplosione alla Butan Gas di Paese (TV) e' accaduta oltre 10 anni fa (15 marzo 1996) puo' essere  interessante analizzare le valutazioni e le conclusioni relative al tragico evento. continua >>

LIQUEFIED PETROLEUM GAS SAFETY RULES continua >>

Train car explosion bleve continua >>

Viareggio: incidente ferroviario - Tutte le foto e i video

Alle ore 23.48 del 29 giugno un'esplosione è avvenuta in una zona distante circa 1 km dalla stazione ferroviaria di Viareggio. L'esplosione è stata generata dall'innesco di una nube di GPL (Gas di Petrolio Liquefatti) fuoriuscita da uno dei convogli di ferrocisterne trasportanti GPL. Il carico era partito da  Trecate (NO) ed era diretto a Gricignano (CE).

Numerosi i morti e i feriti, di cui alcuni in modo grave. Oltre 300 i Vigili del Fuoco impegnati nelle operazioni di soccorso tecnico urgente provenienti da tutti i Comandi della Toscana ma anche dall'Emilia Romagna e dalla Liguria. Esperti dei nuclei NBCR (nucleare biologico chimico radiologico) stanno giungendo da Venezia. Sono presenti sul  luogo dell'incidente il Ministro dell'Interno on. Roberto Maroni, il Capo del Dipartimento Prefetto Francesco Paolo Tronca e il Capo del Corpo Nazionale VVF Ing. Antonio Gambardella mentre il Direttore Centrale per l'Emergenza Ing. Sergio Basti sta coordinando le operazioni dal Centro Operativo Nazionale presso il Viminale

Approfondimenti

Fonte: Vigilfuoco

Dal nostro archivio

Decreto Ministeriale 19/03/2008
Recepimento della direttiva 2006/90/CE della Commissione del 3 novembre 2006, di adattamento al progresso tecnico della direttiva 96/49/CE del Consiglio, per il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri in materia di trasporto merci pericolose per ferrovia.
continua >>

Trasporto interno di merci pericolose - Inland transport of dangerous goods - Nella Gazzetta ufficiale dell'Unione europea del 30/9/2008 è stata pubblicata la seguente Direttiva:
I Atti adottati a norma dei trattati CE/Euratom la cui pubblicazione è obbligatoria
DIRETTIVE
Direttiva 2008/68/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 24 settembre 2008, relativa al trasporto interno di merci pericolose
Testo rilevante ai fini del SEE
continua >>

Allegati A e B della direttiva 96/49/CE del Consiglio, come annunciato nella direttiva 2001/6/CE della Commissione, che adatta per la terza volta al progresso tecnico la direttiva 96/49 del Consiglio concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al trasporto di merci pericolose per ferrovia.

http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2004:121:0001:0864:IT:PDF (864 pagine - 5,4 MB)

Trasporto interno di sostanze pericolose
La direttiva 2008/68/CE instaura un regime comune che contempla tutti gli aspetti del trasporto interno di merci pericolose su strada, per ferrovia o per via navigabile. continua >>

Railway safety
While the safety level of rail transport in the European Union (EU) is generally very good, particularly in comparison with its main competitor, road transport, the recent White Paper nevertheless revealed the existence of shortcomings in railway safety. This Directive aims to establish a more competitive and safer railway system which covers the entire Community market instead of confining itself mainly to national markets. continua >>

Quesiti relativi all'applicazione del Decreto Legislativo 22 febbraio 2006 n. 128
recante il riordino della disciplina relativa all'installazione e all'esercizio degli impianti di riempimento, travaso e deposito di GPL, nonchè all'esercizio dell'attività di distribuzione e vendita

File allegato: phpboizAz.pdf (109.404 bytes)

Fonte. Ministero dello Sviluppo Economico

Scheda di sicurezza GPL - Il G.P.L. sono idrocarburi gassosi in miscela liquefatta. Vengono impiegati per molti usi; i più comuni sono:
- combustibile per usi domestico ed industriale, carburante per motori a combustione interna, petrolchimici, propellenti, espandenti, refrigeranti
continua >>

Fonte: Assogasliquidi

La discussione su questo incidente nel Forum: Infortuni mortali sul lavoro

Inchiesta sull'esplosione di Viareggio - Marzio (che salutiamo e ringraziamo sentitamente) ci ha segnalato nel forum l'inchiesta di Giovanna Boursier (REPORT, Rai 3) andata in onda la sera del 01.11.2009. continua >>

__________________________________________

REGIONE TOSCANA
COMUNICATO
Approvazione dell'ordinanza n. 8 del 24 agosto 2009, riguardante il superamento dello stato di emergenza determinatasi a seguito dell'incidente ferroviario verificatosi nella stazione di Viareggio il 29 giugno 2009. (09A10662) (GU n. 212 del 12-9-2009 )

Il Presidente della Regione Toscana nominato Commissario delegato ai sensi dell'art. 5, legge n. 225/1992 con ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3800 del 6 agosto 2009, in relazione allo stato di emergenza dichiarato con decreto del Persidente del Consiglio dei Ministri del 3 luglio 2009 in relazione alla grave situazione determinatasi a seguito dell'esplosione e dell'incendio verificatisi in data 29 giugno 2009 nella stazione ferroviaria di Viareggio, in provincia di Lucca; Rende noto che con propria ordinanza n. 8 del 24 agosto 2009 ha istituito il Comitato istituzionale e provveduto ai primi adempimenti per il superamento dello stato di emergenza ai sensi dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3800/2009; che l'ordinanza e' disponibile sul sito web http://web.rete.toscana.it/attinew/ della Regione Toscana, sotto il link «atti del presidente» e nel Bollettino ufficiale della Regione Toscana n. 32 del 2 settembre 2009, parte prima

Infortunio mortale plurimo in spazio confinato - 3 morti

26 maggio 2009

Tragedia a Sarroch, morti tre operai nella raffineria della Saras

26 maggio 2009. L'incidente è avvenuto all'interno di una cisterna mentre gli operai stavano eseguendo la manutenzione dell'impianto di desolforazione

CAGLIARI - Ancora un dramma dal mondo del lavoro, che questa volta colpisce la provincia di Cagliari, più precisamente Sarroch. Qui ha sede la Saras, una delle più importanti raffinerie di petrolio del Mediterraneo, che in queste settimane è stata interessata da una serie di interventi di manutenzione programmata.

Era composta da 4 operai, tutti dipendenti di una ditta esterna (la CO.ME.SA srl), la squadra impegnata nei lavori di manutenzione presso l'impianto Mildhydrocracking 1 di desolforazione. Si tratta di un'enorme cisterna capace di contenere fino a 100mila litri di gasolio in lavorazione. Secondo le norme di sicurezza, due operai devono restare all'esterno mentre gli altri procedono materialmente con l'intervento.

Una prima ricostruzione dell'incidente è stata fornita dai colleghi di lavoro delle vittime: un operaio si sarebbe sentito male intorno alle 13.30, il secondo avrebbe chiesto aiuto ai due rimasti all'esterno. A quel punto tutti sarebbero entrati nella cisterna per prestare soccorso al compagno, ma solo uno è riuscito a salvarsi: gli altri tre sono stati stroncati dalle esalazioni tossiche sprigionatesi dai residui delle lavorazioni.

Alcuni testimoni riferiscono che gli operai sarebbero entrati nella cisterna senza maschera protettiva, ma che la procedura sarebbe stata corretta perché questo tipo di intervento richiede normalmente una bonifica a monte, prima della manutenzione. Spetterà ora al medico legale accertare le cause del decesso, e al magistrato di turno il compito di indagare sull'incidente.

Le vittime sono Luigi Solinas e Daniele Melis, entrambi di 29 anni, e Bruno Muntoni, 52 anni; tutti e tre gli operai erano originari di Villa San Pietro, frazione limitrofa a Sarroch (Cagliari).

Lo stabilimento petrolchimico della Saras - uno tra i più grandi in Europa - è composto da 19 impianti. Sono oltre mille le persone impiegate nella raffineria, alle quali si aggiungono altre tremila persone coinvolte nei processi produttivi dall'indotto.

Si sono verificati momenti di tensione intorno alle ore 16 tra un gruppo di lavoratori delle società appaltanti e alcuni dipendenti della Saras, accusati di essere dei "privilegiati" perché possono contare su maggiori garanzie di sicurezza.

"Rischiamo la vita tutti i giorni per 900 euro al mese - attacca un operaio di una ditta appaltatrice -. Facciamo turni massacranti e senza riposi". "È una brutta giornata per tutti noi - aggiunge un altro lavoratore -. Morire con gli strumenti di sicurezza che ci sono ora a disposizione è inaccettabile: non si può morire così".

(sac/roma)

Fonte: INAIL

Tragedia alla Saras, 3 morti

Incidente sul lavoro, tre operai mortialla Saras in Sardegna

22:33  CRONACHE Cagliari, i tre operai stavano pulendo una cisterna in un impianto di desolforazione. Fatali i gas tossici. In Sardegna i fratelli Moratti, proprietari dell'impianto. Cordoglio di Napolitano. Mercoledì sciopero dei lavoratori.
Il racconto dei colleghi: «Morti per soccorrersi a vicenda»

Fonte: Corriere.it

Riportiamo qui sotto alcuni riferimenti web affinche' simili incidenti non abbiano piu' ad accadere:

Soccorso a persona in spazi confinati (10 pagine in Microsoft Word)

Qualita' dell'aria nello spazio confinato (13 pagine in PDF)

La discussione su questo incidente nel Forum: Infortuni mortali sul lavoro

2007   -   2008   -   2009   -   2010   -   2011   -   2013

La discussione nel nostro Forum: 'Infortuni mortali sul lavoro'

Tutti gli infortuni sul lavoro del 2009

Gli infortuni mortali nel settore delle costruzioni del 2009

                                           

Home page | In primo piano | Legislazione | Enti normativi | Norme tecniche | Aziende | Forum | Faq | Special links | Come abbonarsi